ALCESTI (2018)

ispirato al testo di Marguerite Yourcenar

Con Il mistero di Alcesti di Marguerite Yourcenar si recupera la fedeltà al modello greco, mentre cambia l’ambientazione, «una grande dimora rustica», che trasforma Admeto da re a proprietario di una fattoria. Il mito si imborghesisce e l’attenzione della scrittrice si concentra sull’approfondimento del rapporto piuttosto problematico tra i due sposi, segnato da continue incomprensioni e tensioni che si dissolvono quando subentra il ravvedimento di Admeto. A differenza di Euripide, che fa esprimere all’uomo le sue riflessioni poco dopo il ritorno della moglie dalla sepoltura, la Yourcenar crea la condizione perchè Alcesti senta il discorso dell’uomo. Di fronte alle sue parole patetiche e di forte sentimento, rompe il silenzio e parla. L’happy end è completo e i due si raccontano le recenti tragedie come se fossero state vissute in un sogno.


– Milano, TEATRO ARCA (sabato 17 marzo 2018)
con: Angelo Bottani, Edoardo Ambrosioni, Lorenzo Valtorta, Massimiliano Foti, Ornella Friscia, Valentina Di Natale
assistenza tecnica: Franco Calise
grafica locandina: Daniele Valtorta
riprese video: Matteo De Grandis
fotografie di scena: Alessandro Miozzi
costumi: Lucia Flocchini

adattamento teatrale e regia: Livia Castiglioni

–> LOCANDINA
–> VOLANTINO


GALLERIA FOTOGRAFICA
fotografie di Alessandro Miozzi


Disclaimer
I testi, gli allegati e le fotografie presenti in questa pagina sono di esclusiva proprietà dell’Associazione Teatro2 e non possono essere diffusi o copiati in blog, social network e siti internet senza l’esplicita autorizzazione scritta dell’Associazione. L’Associazione Teatro2 non si assume alcuna responsabilità in merito alle conseguenze derivanti da dichiarazioni e contenuti presenti in altri siti internet non ufficiali e in materiale pubblicitario non autorizzato in cui si utilizzano illegalmente dati di proprietà dell’Associazione.